Individuato il secondo pianeta extra solare più vicino alla Terra

Una super Terra ghiacciata in orbita intorno alla stella di Barnard, una nana rossa piccola e fredda scoperta oltre 100 anni fa.

di Alessia Cassetti

Si trova a soli 6 anni luce dal Sole Barnard’s Star b, l’esopianeta in orbita intorno alla stella di Barnard, la stella isolata più vicina al Sole, scoperta dall‘astronomo E. E. Barnard nel 1916.
Questa stella, non visibile a occhio nudo, divenne già famosa per il suo moto proprio nel cielo, tanto da poter notare il suo spostamento nell’arco di pochi anni, mentre il resto delle altre stelle restano pressoché immobili. La stella di Barnard percorre una distanza in cielo equivalente al diametro della Luna ogni 180 anni.
Da una prima analisi dei dati raccolti e pubblicati sulla rivista “Nature”, il nuovo mondo appena scoperto sembra essere una super-Terra, con una massa di almeno 3,2 volte quella del nostro pianeta. Barnard’s Star b orbita intorno alla sua stella in circa 233 giorni a una distanza solo 0,4 volte rispetto a quella tra Terra e Sole. Una distanza decisamente ravvicinata se non fosse che la stella di Barnard è una nana rossa: una stella fredda e poco massiccia, che illumina debolmente il suo pianeta. Il mondo appena scoperto, infatti, sembrerebbe ricevere dalla sua stella madre solo il 2% dell’energia rispetto a quella fornita dal Sole alla Terra. Inoltre, secondo le prime analisi, il nuovo pianeta si trova vicino alla linea della neve, ovvero quella regione in cui i composti volatili come l’acqua si condensano sotto forma di ghiaccio solido, rendendo quindi il nuovo esopianeta un mondo scuro e gelido. Non è una dimora molto promettente per la vita come la conosciamo: il potenziale pianeta avrebbe infatti una temperatura di -170 gradi Celsius.
Se questo esopianeta sarà confermato tale, ricordiamo che non sarebbe il pianeta extraterrestre più vicino alla Terra, primato che resta a Proxima b, in orbita attorno a Proxima Centauri.

Contributo multimediale fonte ESO:

Exploring the surface of a super-Earth orbiting Barnard’s Star (Artist’s impression)