LA DISTANZA DELLA LUNA

di Italo Calvino

Racconti sotto un cielo di stelle

ACQUISTA ONLINE

 

 

 

A cura di I Sognattori

Voce narrante:
Mariarosa Franchini e Eleonora Calamita


Musicisti:

Fabio Mazzotti e Sonia Spinello (voce)
Giacomo Zamponi (violino)
Daniele Mennella e Gianni Uda (chitarre)
Lorenzo Scendrate (contrabbasso)

Per il ciclo Storie di altri mondi

LA DISTANZA DELLA LUNA di Italo Calvino
Racconti sotto un cielo di stelle

In un altro tempo, in un universo dove comandano leggi di un’altra fisica, una terra e una luna sono tanto vicine da potersi quasi toccare. Gli abitanti di quel mondo salgono e scendono dal satellite giocando con una gravità un po’ bislacca, a tratti simile, ma in fondo completamente diversa dalla nostra. Rimangono immutabili le leggi del cuore, che scandiscono il cercarsi e il perdersi dei personaggi della storia, sospesi fra mondi e amori inconciliabili. Sotto la volta stellata del planetario il fluire di una canzone ci conduce nella nuova dimensione e segna il tempo della vicenda, per riportarci, infine, alla nostra fisica e alle consuete vibrazioni del sentimento umano.

Mariarosa Franchini (voce narrante). Il 1983 è l’anno che dà una svolta alla sua vita. Durante un corso di preparazione per animatori di colonia, conosce un allampanato spilungone, futuro astrofisico, già speleologo, musicista in erba. Lo sposerà 5 anni più tardi. Forse non avrebbe mai insegnato italiano come seconda lingua, non avrebbe letto una sola parola in pubblico e certamente non sarebbe madre di quelle due perle preziose, se non l’avesse fatto

Eleonora Calamita (voce narrante). Prima recita un po’, poi passa al doppiaggio, quindi piomba sugli audiolibri. Dà la sua voce a Gian Burrasca e a don Abbondio, a Tom Sawyer e a padre Cristoforo ma anche a Renzo, Lucia… però va a finire che tutti i giorni usa più gli occhi che la voce. Ma perché mai?

Fabio Mazzotti (musicista – voce), in arte Maz. Turnista dalla nascita dedica la restante parte delle giornate al fraseggio musicale e letterario. Suona con il resto della banda da svariati lustri e per fedeltà al gruppo ha rinunciato a importanti ingaggi con Bruce Springsteen e Tom Waits. Crede segretamente di essere Corto Maltese, ma non lo dice a nessuno.

Sonia Spinello esprime il suo raffinato talento immergendosi totalmente nella musica in tutte le sue sfaccettature: autrice, compositrice e interprete jazz e pop, insegnante di canto appassionata (ha fondato e dirige Four Music School di Borgomanero, in provincia di Novara) e direttrice artistica del Jazz Club Borgomanero, Jazz in Villa Marazza e di Orta Jazz Festival, i progetti che Sonia porta avanti sono viaggi avventurosi e autentici che condivide con musicisti ispirati e generosi. Abeat Records si occupa della sua ricca produzione musicale: in particolare Wonderland, omaggio ai capolavori e alla figura di Stevie Wonder, ovviamente interpretato in stile jazzistico, è stato premiato in Giappone come miglior album vocale dalla rivista audiofila di riferimento nazionale “Critique Magazine”.

Giacomo Zamponi (musicista – violino). Polistrumentista dalle abilità sovrumane spazia dal violino al pianoforte passando per il trombone a tiro, l’ocarina a dondolo, il mandolino spagnolo e il clavicembalo a nastro triplo. Quando non suona guadagna il pane per se’ e per la numerosa famiglia percuotendo tastiere di computer portatili e stanziali più o meno a caso.

Gianni Uda (musicista – chitarra). Nasce. Si dedica, fin da giovane, allo studio sgangherato della chitarra, in particolare del mi cantino, di cui diventa un virtuoso. A fine secolo, si laurea in filosofia, con una tesi sull’inutilità del capotasto mobile in Aristotele. Passa le giornate a sviluppare software sognando, un giorno, di suonare sotto la volta stellata del Planetario di Milano.

Aniello Mennella (musicista – chitarra), detto Daniele. Dovrebbe fare il professore di astrofisica, ma si ostina a voler fare altro. In montagna, al mare, per le strade, possibilmente in bici, oppure seduto con una chitarra in mano. Quando si ricorda perché riceve lo stipendio insegna e fa ricerca, provando a capirci qualcosa di questo luogo che chiamiamo universo.

Lorenzo Scendrate (musicista – contrabbasso). Da sempre chiamato Lorezino, suona il contrabbasso e alleva api, che cura amorevolmente con dosi ripetute della suite n. 1 di Bach. Arrotonda i proventi del miele e polline biologici con un altro lavoro, di cui nessuno ha mai capito nulla ma che, evidentemente, rende il giusto.

Se sei interessato ad avere ulteriori informazioni in merito a questo evento contattaci al 02/88463340.

    Sabato 21 Dicembre 2019
    ore 21.00
    I Sognattori
    Biglietto intero € 5,00 – Biglietto ridotto € 3,00

    ACQUISTA ONLINE

La cassa apre 45 minuti prima.

A conferenza iniziata è vietato l’ingresso.