IL PRIMO YURI NELLO SPAZIO

ACQUISTA ONLINE

A cura di Adrian Fartade

IL PRIMO YURI NELLO SPAZIO
L’incredibile storia biografica di Yuri Gagarin

“Poyekhali!” Andiamo!
Con questa esclamazione, riferita come all’intera umanità che partiva con lui, ebbe inizio, il 12 Aprile del 1969, l’era dei voli spaziali umani, con il lancio di Yuri Gagarin a bordo di una navicella chiamata Vostok 1.
La sua missione fu il coronamento di un programma eccezionale che in appena 3 anni e mezzo passò dal primo lancio di un satellite artificiale a riuscire a mandare un uomo in orbita intorno al pianeta e riportarlo a casa sano e salvo. Yuri non fu però soltanto “Gagarin”, il leggendario cosmonauta. La sua vita fu straordinaria tanto quanto ordinaria, ed è nelle pieghe dei piccoli ricordi della sua infanzia, della sua famiglia ed amici, che si trova di più l’animo di chi era. Questo spettacolo è dedicato alla scoperta del primo di noi umani ad aver visto il pianeta dallo spazio e di ciò che resta oggi della sua storia dietro la leggenda. Quindi non mi resta che invitarvi all’evento e dirvi “Poyekhali!”

Adrian Fartade (Bacau, Romania, 1987), laureato in Storia e Filosofia presso l’Università degli Studi di Siena, si occupa di storia dell’astronomia. Divulgatore scientifico, racconta da qualche anno, sulla pagina Facebook Link2universe e sul canale YouTube Link4universe, le più recenti scoperte in campo astronomico da tutto il mondo, presentandole in maniera accessibile e divertente. Spesso ospite in radio, in tv ha partecipato a due stagioni della trasmissione C’è Spazio su TV2000. Attore di teatro, tiene monologhi sull’esplorazione spaziale in planetari, scuole e teatri in giro per l’Italia.

A piedi nudi su Marte, il libro di Adrian Fartade

Se sei interessato ad avere ulteriori informazioni in merito a questo evento contattaci al 02/88463340.

    Sabato 9 Febbraio 2019
    ore 18:30
    Adrian Fartade
    Biglietto intero € 5,00 – Biglietto ridotto € 3,00

    ACQUISTA ONLINE

La cassa apre 45 minuti prima.

A conferenza iniziata è vietato l’ingresso.